Non sono scie chimiche… o forse si? O forse non importa! [VIDEO]

Considerazioni sul video: Dichiarazione di Rosalind Peterson – Agriculture Defense Coalition (Coalizione per la difesa dell’Agricoltura) in occasione di una conferenza sul cambiamento climatico organizzata dalle Nazioni Unite.

scie chimicheIl video che vedrete qui sotto è molto importante perché mette in luce l’aspetto più vitale del tema “scie chimiche“, ovvero quell’aspetto che viene completamente fagocitato e nascosto dal chiasso generato dallo scontro tra quelli che sostengono che in realtà si tratti solo di scie di condensa rispetto a quelli che sostengono si tratti di scie chimiche.
Il punto è che non importa se le scie sono chimiche o di condensa. Il punto è che ci troviamo davanti ad un fenomeno osservabile, nuovo, mai visto prima e che sta cambiando il clima, con coseguenze significative sulla nostra vita.
Non dobbiamo più discutere dell’esistenza o meno di quello che per alcuni è una “leggenda metropolitana” e per altri “un complotto dei governi”, non dobbiamo più perderci in infinite e sterili discussioni sul se quelle scie siano chimiche o di condensa, sul come vengano prodotte e chi ci sia dietro.
Questi sono argomenti che devono essere trattati dopo, mentre ora servono solo a dividerci e allontanare le persone da un’evento evidente e preoccupante che coinvolge tutti.
Quelle scie nel cielo, anche se fossero di condensa, anche se fossero prodotte involontariamente dal passaggio di aerei di linea come conseguenza naturale dell’azione dei motori nell’aria, anche se non contenessero alcuna schifezza chimica (come invece alcune ricerche indipendenti sostengono), anche ammettendo tutto ciò sarebbero comunque un problema e dobbiamo occuparcene!
Senza contare le volontarie operazioni di geoingegneria (denunciate anche nel video, soprattutto perché esenti da seri controlli da parte di organismi terzi) le scie persistenti degli aerei oscurano il cielo, cambiano l’esposizione solare del pianeta, modificano l’evaporazione dell’acqua al suolo e quindi l’umidità. E’ per questo dobbiamo occuparcene. Per tutte le conseguenze che stanno causando alla nostra atmosfera, all’aria che respiriamo, ai cibi che mangiamo ecc. Oppure volete semplicemente ignorare il problema perché è “solo una leggenda metropolitana” o “roba da complottisti”?! Siete sicuri di volervi giocare la salute del pianeta, vostra e dei vostri cari per questo?

Su questo video tengo a precisare due cose.
Primo: il video è circolato in rete con titoli e una descrizioni pomposi e fuorvianti che lasciavano intendere di vedere una seduta delle Nazioni Unite in cui si confermava l’esistenza delle scie chimiche, quando in realtà si tratta di una conferenza sul cambiamento climatico organizzata dalle Nazioni Unite in cui un oratrice parla delle conseguenze delle scie persistenti e della geoingegneria.
Secondo: i sottotitoli italiani non sono molto precisi e, tra gli altri errori, ogni volta che leggete “scie chimiche”, in realtà l’oratrice ha detto “contrails” ovvero “scie di condensa”. Ennesima prova che ormai su questo tema si è perso completamente di vista il punto cruciale: il determinare cosa sta accadendo e quali sono le conseguenze, piuttosto che, come ho già detto, voler a tutti i costi determinare l’esistenza o la non esistenza di un concetto astratto (chemtrails – scie chimiche).
Che siano chimiche o no, le scie ci sono. Le vediamo tutti. E stanno causando danni tremendi. Partiamo da questo.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Attivismo & Politca, Video e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...