l’unico figlio

la parola è l’unico figlio
che voglio

si vesta di musica, di colori o di versi
sia la mia unica gioia, l’unico parto
l’unico essere ch’è degno di vivere
perché mai e poi mai succube
di me, del mondo ed invece
sì, segno indelebile ed imitabile

piacere è la gestazione, il concepirlo
il tempo passato a prendermene cura
indispensabile quanto una droga
venirlo al mondo è un ghiacciaio
che con membra violente gratta la valle
e non la lascia com’era.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Mezze Poesie. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...