strapparmi i denti

così sentirei le fauci vuote
gengiva contro gengiva
senza il duro smalto
che ti ha masticata
resa il cibo di cui avevo fame
che adesso m’affama
 
inevitabile ed eterno
sarà il digiuno
 
singhiozzi di pianto
e nessuna lacrima.
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Mezze Poesie. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...