attriti da suicidio

lo stupore di trovarsi
un bisturi nello stomaco
stupirsi d’averlo dimenticato
non del dolore
ma farai pace con lui
perché siam fatti così

intanto io muoio un po’
mi dissanguo sul divano
davanti alla tv
ad ogni goccia di sangue
che cade dai polsi penso
“non sarà perdere una goccia di sangue ad uccidermi”
ed il lago rosso sotto di me
trattiene a stento le risate

i pensieri sono macchine da guerra che
sanno fare la guerra e la pace
ma mai quello che voglio
sanno inchiodarmi lì
e farmi odiare i chiodi
sanno rendermi assatanato
delle più becere contraddizioni
e fanno fare attrito a tutto ciò che vorrei
assorbire o evitare
ma ci faccio pace perché
sono la mia parte più intima
il prisma dentro lo specchio
la mano nel mezzo dell’anima
e così assorbo ed evito finalmente
seduto sul divano
a morire dissanguato

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Mezze Poesie. Contrassegna il permalink.

4 risposte a attriti da suicidio

  1. Giuseppe ha detto:

    PAZZO

  2. ma6699 ha detto:

    i pensieri sono la mano nel mezzo dell\’anima..
    una mano che spesso ha unghie affilate che graffiano e arrivano a dilaniarti da dentro..

  3. azzurra ha detto:

    I pensieri sono macchine da guerra
     
    proprio così….sono macchine che ci portanro a scoprire la parte più terribile di noi….

  4. Debora ha detto:

    è da un po\’ che non ti sento…
     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...