cose che finiscono, cose che si ripetono

mi accorgo quanto peseranno, in futuro, questi giorni… li prendo in mano e li guardo come fossero già ricordi.
stavolta è più dura del solito non avvertire la sensazione d’aver sprecato tutto. una volta ho detto che non importava se i pezzi d’oro che genero li trovo buttati nel cesso delle persone a cui li ho regalati: il loro valore non cambia, il loro significato nemmeno…
ma oggi è dura davvero.
ironia della sorte, proprio ieri ho trovato un testo che scrissi 4 anni fa… potrei averlo scritto 4 minuti fa per quanto quelle vecchie parole inchiodano varie similitudini con la situazione odierna… parlai di un addio mai nato ma palese ed atteso quanto un tuono dopo il lampo.
gli attori cambiano ma la storia si ripete e io resisto, persisto e ripeto: sono come il cielo… ma anche lui avrà un limite…
 
 
CREDO SIA UN ADDIO
Guardo i miei pensieri sfiorare il petalo morente
Li vedo andarsene come marinai che salpano
Speranzosi, impauriti, eccitati, rassegnati
Vogliono essere un morbido letto per accogliere
Il ferito che sta segretamente agonizzando
Gli girano attorno, lo salutano
Ma non fanno nulla per salvarlo
Posso considerare un miracolo una morte morbida
Silenziosa, indolore, incapace di mentire
Uno scomparire quieto nella testa colma di morfina
 
Sguazzo in questa falsa sicurezza
Evito di guardare dietro il sipario
Spero abbiano venduto pochi biglietti
Ma non si può fingere questo sguardo in eterno
Vorrei in un istante inspirare i tuoi pensieri
Rendermi conto dell’addio che ci stiamo dando
Nascosto tra le risate, gli sguardi ed i ricordi
Ma è sempre troppo presto per salutarsi
Finché il petalo non cade, senza rumore se n’è andato
E’ un vetro che si rompe lentamente scricchiolando
Che frantuma la mia triste immagine riflessa
E piove sul pavimento freddo e scuro
Si possono spegnere le luci, chiudere a chiave
D’un tratto la casa è disabitata
 
Le mie dita corrono sulle rughe del legno
Si bagnano su una goccia del tuo rum
Le porto alla mia bocca e assaporo
Come fosse l’ultima lacrima che hai lasciato per me
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Esalazioni Mentali Senza Valore. Contrassegna il permalink.

2 risposte a cose che finiscono, cose che si ripetono

  1. Francesca ha detto:

    Io ci son passata più volte di te (non fosse altro per anzianità)…mi sembrava un triste scherzo del destino, che ogni volta mi faceva rivivere la stessa scena, come in un film…poi passa tutto, passa sempre, e quello che viene dopo è sempre più bello…Sarà sempre più dura cadere, ma sarà sempre più importante e prezioso ciò che verrà, se non altro perché vissuto con la maturità e la consapevolezza di ciò che è stato. Ma una volta non parlavo così…

  2. Francesco ha detto:

    a parte che la fre s\’è rovinat….Massi dioccai cambia musica…trombatele tutte dio rospo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...